Oggi vorrei parlarvi di un tema importante, che credo riguardi un po’ tutti noi, sia quelli che vivono o vogliono venire a vivere in Spagna (o all’estero in generale) che quelli che sono in Italia: l’importanza di avere le idee chiare quando ci accingiamo ad iniziare la nostra ricerca di un lavoro.

Quando scrivo un post nuovo mi piace parlare sempre un po’ delle mie esperienze personali perché una cosa è dare consigli solo per avere visite sul proprio sito, senza sapere minimamente come ci si sente quando nella testa regna la confusione più totale, un’altra è esserci passati e voler condividere la propria esperienza per cercare di aiutare chi non ha ancora le idee chiare sul proprio futuro.

Come alcuni di voi sapranno, sono venuta a Madrid con una laurea ed un CV praticamente vuoto. In Italia non ho mai lavorato e quando ho finito l’università non avevo la più pallida idea di cosa volessi fare. Mi ci sono voluti 2 anni per capirlo. I primi tempi dopo la laurea ho pensato che la colpa del fatto che non trovassi un lavoro all’altezza dei miei studi fosse della crisi, del mio CV non redatto alla perfezione, della mia timidezza e di tanti altri fattori che poi si sono rivelati solo “la punta dell’iceberg”.

In realtà cos’è che conta davvero quando cerchiamo un lavoro…o per meglio dire “il lavoro”?

Quando cercate un lavoro dovete sapere cosa cercare e come cercarlo. Ma se voi per primi non sapete cosa volete fare, come vi aspettate di poter fare colloqui o essere presi in considerazione per un lavoro? Se non siete convinti del posto per cui vi candidate o mandate il vostro CV “tanto per” non sarete mai presi sul serio. Si, probabilmente riceverete la famosa telefonata (o email) in cui sarete invitati a fare un colloquio, ma sarà difficile che vi prenderanno perché voi sarete i primi a non crederci.

Quindi, il mio consiglio è questo: se non avete ancora le idee chiare prendetevi un po’ di tempo per voi stessi. Non vi fate prendere dall’ansia. Non cedete alla pressione del “devo trovare lavoro entro fine anno assolutamente” . E mi riferisco soprattutto alle persone che hanno appena finito l’università o che comunque hanno meno di 30 anni ma non sanno ancora cosa fare nella vita.

L’esperienza che fate ora è importantissima e se iniziate a mettere sul vostro CV una serie di lavoretti da poco…il vostro CV continuerà ad essere vuoto! Si, magari avrete guadagnato qualcosa, ma a cosa vi servono degli spiccioli se poi non avete un’esperienza reale?

Piuttosto fatevi un master (non necessariamente carissimo) e specializzatevi in qualcosa che vi piace, che vi appassiona davvero. Vi assicuro che non esistono lavori noiosi. Al contrario, se capite qual è la vostra vera vocazione, lavorare non sarà questo grande sacrificio e, soprattutto, riuscirete a trovare lavoro con molte meno difficoltà. Cercate di diventare forti in quello che vi piace. Se siete davvero bravi le aziende ci terranno ad assumervi!

Vi lascio con questo bellissimo fumetto che ho visto qualche giorno fa su facebook e che mi è rimasto impresso.

“Scegli un lavoro che ami e non dovrai lavorare nemmeno per un giorno nella tua vita

lavorare-all-estero-spagna

Tags:

14 Comments

  1. Articolo interessante e che da ottimi consigli come sempre del resto questo però è utile anche a chi non ha alcun’idea di venire lì in Spagna continua cosi buon lavoro

    1. Grazie Felix! Il mio intento è di aiutare chi ha ancora le idee molto confuse (come le avevo io del resto fino a qualche anno fa) a trovare lavoro, o almeno ad incamminarsi sulla buona via. Un abbraccio, Vale

    1. Tardi no, ma forse in estate hai qualche chance in meno di trovare lavoro. Poi dipende pure dal settore che scegli. Nel settore del turismo c’è sempre lavoro ad esempio :)

    1. Ecco, dipende un po’ da cosa fai, ma in linea di massima lavoro nel settore dell’informatica non manca qui a Madrid :)

  2. Questo post mi ha risolto la giornata! :) Io sono laureata in lingue, ma il mio CV è proprio poveraccio. Arriverò a Madrid il mese prossimo, sto cercando lavoro ovunque, in preda alla famosa ansia che hai descritto bene, ma il mio sogno è lavorare in un sito museale o in genere, nel turismo culturale. Grazie per questo bellissimo incoraggiamento che mi hai lasciato, un bacio.

    1. Ciao Chiara! Sono contenta che il mio blog in qualche modo ti abbia aiutato. Se hai bisogno di qualsiasi cosa scrivimi pure :) Un abbraccio, Valentina

      1. Grazie per avermi risposto subito. :) Leggerò per bene tutto il tuo blog, che è veramente utile e fatto con criterio, se dovesse restarmi qualche altro dubbio amletico, ti contatto di sicuro. 10 ottobre…arrivo!!!!!

  3. Ciao Valentina, ti scrivo di nuovo!Volevo chiederti questo: la mia conoscenza dello spagnolo non è forte, anche se ho una base. Verrò a Madrid avendo un appoggio per le prime settimane!ma arrivata li dovrei trovare un lavoro in breve tempo!non sapendo bene la lingua ho la possibilità di trovare qualcosa anche nel settore turismo ( bar-ristoranti ), sebbene con poca esperienza ? Per il resto ovviamente la mia laurea e curriculum sono altri, ma quello ovviamente verrà dopo aver imparato bene la lingua! Comunque ti faccio i miei complimenti!hai avuto un’ottima idea!

    1. Ciao Alessandra! Ti rispondo qui :) Innanzitutto il passaporto non è indispensabile “in teoria”, ma purtroppo nella pratica si. Non ti fanno aprire un conto in banca né comprare una sim senza passaporto purtroppo. Ti consiglio di richiederlo in Italia perché se in futuro ti servirà è molto più difficile chiederlo tramite il consolato italiano di Madrid. Per quanto riguarda il tuo livello di spagnolo, non ti preoccupare. Puoi trovare lavoro a Madrid anche se non sai benissimo la lingua e poi considera che, una volta qui, nel giro di 1-2 mesi già lo parlerai :) Un abbraccio, Vale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*